L’olio essenziale

 

Come si ricava l’olio essenziale
Per realizzare dell’olio essenziale occorre raccogliere la lavanda possibilmente con pianta e fiori asciutti e di mattina quando la percentuale di olio è maggiore e le spighe dovranno essere a fine fioritura (nel pieno della maturità balsamica).

La distillazione

La distillazione viene effettuata a corrente di vapore in alambicchi, che possano garantire l’integrità del prodotto finale senza alterarne la struttura ( profumi, fragranze… ) e le temperature per la distillazione dovranno rimanere sotto i 95° C, per ottenere un prodotto finale che possa raggiungere il suo potenziale maggiore.
L’olio essenziale va conservato ben chiuso in luogo fresco e al riparo dalla luce.

 

Olio essenziale lavandula angustifolia (officinale, fine, vera)

 

 

Gli usi della tradizione dell’olio di lavandula angustifolia (officinale, fine, vera)”Imperia”
Una piacevole sorpresa è la percentuale di Linalolo che è oltre il 50%. Il Linalolo ha la capacità di stimolare attivamente il sistema nervoso, rilassa, calma e permette di distaccarsi emotivamente dai pensieri, liberando la mente in modo di acquisire una prospettiva migliore e fiducia in se stessi.
dal punto di vista terapeutico l’olio dell’angustifolia è antidepressivo, antimicrobico, antisettico, antibatterico, antireumatico, antispasmodico, cicatrizzante.
In dermatologia per acne, allergie, ustioni, punture di insetti, eritemi da medusa, scottature solari – bastano alcune gocce da frizionare sulla superficie interessata;
Sistema nervoso: per cefalea, emicrania – 1 o 2 gocce da massaggiare su entrambe le tempie; per insonnia, melanconia e stress – 1 o 2 gocce sotto il naso per un effetto immediato ma non duraturo nel tempo, un effetto prolungato si può ottenere con un diffusore o brucia essenze;
Sistema immunitario: per infiammazioni della gola, bronchiti, influenza, sistema digestivo – un paio di gocce su una zolletta di zucchero o in un cucchiaino di miele per gengiviti – un bastoncino ovattato imbevuto di olio essenziale da passare sulla parte infiammata.
Viene impiegato ampiamente per: profumi e per aromatizzare alimenti ecc.

 

Olio essenziale di lavandino (intermedia,ibrida)


Gli usi della tradizione dell’olio di lavandino (intermedia,ibrida)
Il lavandino ha come caratteristica un più alto tenore di canfora quindi è indicato per i massaggi per lombaggini, distorsioni, piede dell’atleta, gomito del tennista – massaggiare le parti doloranti con 4 o 5 gocce di olio essenziale;
per pidocchi nei capelli – 3 o 4 gocce massaggiandole nei capelli;
mescolata qualche goccia con la cera d’api allontana le tarme e rende i mobili più lucidi;
solvente naturale può sostituire l’acetone,;
nebulizzato sui pavimenti e negli armadi (non macchia) allontana gli acari;
in miscela con 4 parte di acqua distillata, tre parti di alcool etilico e 10 gocce di olio essenziale ogni 200 cc. allontana i parassiti dagli animali domestici
è ottimo per i saponi e detergenti.

 

Testo a cura dell’associazione culturale “Produttori Lavanda della Riviera dei Fiori”

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico